Vaccinazioni

Regolamentazione sanitaria-vaccinazioni per quando si viaggia

In alcuni paesi le leggi sono molto severe e possono anche prevedere la quarantena in una struttura sanitaria per il cane che viene quindi separato dal proprio padrone anche per lunghi periodi. È quindi importante informarsi direttamente al servizio sanitario o al consolato prima di partire. I documenti e certificati necessari a chi intende viaggiare in Italia o all'estero con il proprio animale sono: libretto della vaccinazioni, certificato di buona salute, certificato di vaccinazione antirabbica, certificato internazionale di origine e sanità per l'espatrio.

Le principali malattie infettive contro cui si vaccina il cane sono parvovirosi, cimurro, epatite, leptospirosi e bronchite infettiva. Sono tutte altamente contagiose e possono essere difficili da curare. La vaccinazione antirabbica è obbligatoria solo in alcune condizioni particolari e per portare l'animale all'estero, ma può essere ugualmente consigliata dal veterinario. Le vaccinazioni del cane sono registrate su un apposito libretto che contiene i dettagli dei vaccini e la data in cui è stato somministrato. Il veterinario lo firma ed è necessario per dimostrare la storia vaccinale dell'animale nei casi in cui debba essere introdotto in una pensione o viaggiare al seguito del proprio padrone.

Molte persone credono che una volta vaccinato il cane da cucciolo, quest'ultimo sia protetto per tutta la vita, ma purtroppo non è così. Per mantenere la protezione sono necessari i richiami dei vari vaccini. Senza questi regolari richiami, il sistema immunitario del cane non è in grado di proteggerlo contro malattie gravi che possono essere persino fatali è dunque importante ripetere le vaccinazioni.



Ultimo aggiornamento (Mercoledì 25 Maggio 2011 17:47)

 

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti e di profilazione. Continuando la navigazione, accetti il loro utilizzo. Per ulteriori informazioni consulta la pagina Informativa Privacy.